La mia Aquila di Elisa Gianola

22 giugno 2010 at 17:13 (terremoto) (, , , , , , , , , , , )

Elisa, fotografa padovana, mi ha accompagnata nel mio ultimo viaggio. Ora vi regala questo scritto, sperando di aprire un po’ gli occhi a chi a L’Aquila non è mai stato.

Monique

Photobucket

Partendo per questo viaggio con Monique, non sapevo cosa mi sarei trovata davanti. E’ stato tutto così veloce, tutto senza pensare. Nel limbo in cui mi trovavo, sono praticamente scappata da Padova, qualche vestito in valigia, un po’ di soldi e via. L’Aquila, lo dico con tutta la sincerità possibile, era un ricordo. Il ricordo di giorni in cui tutta l’Italia e tutto il mondo avevano gli occhi puntati su un territorio completamente devastato dal terremoto. Una coscienza comune, così tollerante, così devota all’aiuto del prossimo. E tuttavia così lontana. La televisione, la radio, i giornali. Tutto mostrava l’orrore di un mondo diverso. Ognuno si è mobilitato per aiutare queste persone, ognuno aveva di che parlare, ognuno aveva le proprie lacrime, la propria commozione, la vicinanza e il supporto verso il disastro. Quella tristezza televisiva che ti seguiva giorno per giorno, che ognuno di noi aveva l’esigenza di vedere, curioso, demoralizzato, ora dopo ora, inquadratura dopo inquadratura. Donazioni, collette, solidarietà. Se potessi, se avessi. Quello che si poteva fare, da qui, si faceva. Ho pianto in quei giorni, come molti altri suppongo. Quello che si vedeva in televisione era un territorio in ginocchio, osservato da vicino. E come intermezzo esistevano solo le interviste, a questo e quel personaggio, politico, cantante. I funerali, le tombe, le tombe più piccole, i discorsi dello Stato.

Photobucket

Per l’anno seguente tante parole, poche riprese. Tante parole, poche delle quali dalle bocche giuste. Le bocche che ti avrebbero detto quello che stava realmente succedendo.
Perché, dopo aver messo in ginocchio un popolo, sono state mozzate le gambe ai sopravvissuti. E questo l’ho visto, l’ho sentito raccontare. Non me l’ha detto nessuna televisione, nessun giornale. L’ho ascoltato dalle bocche dei terremotati, l’ho intuito dai loro sguardi, dal loro estenuante desiderio di sdrammatizzare.
Ho visto la disumanità. Ho visto qualcosa che non è arrivato fin qui. Ho visto qualcosa che non è stato mai preso in considerazione, dopo il terremoto.

Photobucket

Photobucket

La dignità dell’uomo. Il valore dell’essere umano. La volontà di perseguire la vita normale. Non solo la sopravvivenza, ma la vita in quanto tale. Tutto questo per loro è stato un sogno che forse, solo dopo un anno, alcuni di loro, riesco a percepire nuovamente.
Io voglio raccontare la storia. La storia per come l’ho vista. In quanto tale. La storia di persone che hanno perso tutto. Il bene materiale, le loro città, i loro punti di ritrovo, i loro bar, le loro scuole, le loro chiese, i loro negozi. I loro parenti, vicini, familiari, amici. E sopra ogni cosa, la possibilità di rinascere.

Photobucket

Perché scavando con le mani per recuperare cadaveri, perché spaccandosi la schiena montando le tende dei campi, perché cucinando per 50 persone tutti i giorni, perché accompagnando i sopravvissuti dentro le case pericolanti, rischiando la morte, per permettere di recuperare qualcosa, almeno qualcosa, della propria vita passata, perché grazie a tutto questo, io posso ancora parlare di umanità. Un’umanità di cui non mi vergogno, che posso esclamare serenamente. Questa è l’umanità. Dei volontari trattati loro stessi come bestie, come estranei, come persone pericolose, e che malgrado tutto hanno lottato con mani e denti per rimanere e dare una mano. Dei vigili del fuoco, che hanno costantemente messo a rischio le loro vite, ogni giorno. Degli stessi terremotati, di tutti quelli che hanno alzato la testa di fronte alle ingiustizie, ai campi-lager, alla prepotenza, al controllo. Di quelle persone che facevano ridere i bambini, di quei militari che cucinavano per tutti, che organizzavano karaoke e ridevano.

Ho visto un piccolo mondo, circoscritto, solo, diverso. Ho visto un mondo che secondo la televisione doveva essere come me. E invece non lo era.

La ricostruzione non esiste. L’Aquila è morta.
La ricostruzione è propaganda. I moduli abitativi provvisori sono propaganda. Le costosissime strutture per tenere in piedi i mattoni di una città fantasma, sono propaganda.

Ci sono persone che vivono nei container. Ci sono persone che vivono in baraccopoli ai margini delle strade. Ci sono persone che si sono costruite casette di legno di 10 mq se va bene, e che vivono lì magari in 5, o 6.
L’Aquila esiste in quanto postazione militare. Il centro storico è un grandissimo museo a cielo aperto. A breve toglieranno le transenne del centro e vi faranno pagare un biglietto per visitarla.
L’Aquila è Pompei. Le visite guidate, i racconti, le curiosità.

Photobucket

Non vi dico questo con qualche scopo, politico, sociale o altro. Ve lo dico perché ci sono stata. Perché le mie foto lo testimoniano. Perché ti si rivolta lo stomaco entrando in una via, e poi un’altra, e un’altra ancora. C’è odore di morte. Ci sono intere pareti di case tenute assieme da una grossa barra di ferro. Le case, internamente, sono tutte puntellate con strutture di acciaio. Non ci sono muri, non ci sono palazzi che stanno in piedi da soli, ci sono case squarciate, interamente ricoperte da barre di legno. La sensazione è quella di voler tenere in piedi un cadavere con un evidente foro di proiettile in testa.

I militari, appostati alla fine dell’unica via agibile, proibiscono ai terremotati di entrarci. L’Aquila è rinata? No, non è l’Araba Fenice. Abbiamo sbagliato favola.

Photobucket

Mi sono fatta raccontare le mille balle, le mille bugie, i mille aggiri del nostro governo. I moduli abitativi, i soldi stanziati, quelli buttati per costruire la strada di Obama e per il G8, i decreti “abracadabra”, gli sproloqui di quei politici che non hanno avuto neanche la decenza di alzare il culo dalle loro poltrone a Roma, e tanti altri abomini che Monique ha pazientemente raccolto con Terremoto09.

E quello che la televisione propagandistica ci ha fatto vedere, era teatro. Non ho mai avuto grande simpatia per Silvio Berlusconi, né per Bertolaso, per dirne un paio. Ho sempre cercato di capire come stanno realmente le cose. Vi dico solo questo, a prescindere dal vostro colore, se andrete all’Aquila, capirete da soli. Perché come mi ha detto Monique, tornando a Padova, finchè non guardi con i tuoi occhi, gli unici a cui credi veramente, non capirai mai perché certa gente dice certe cose. O perché alcuni, che non hanno piegato la testa, sono pronti a farsi arrestare, o a farsi pestare a sangue, pur di dire la verità.
Perché se voi visitate L’Aquila, un anno dopo, non potete aver dubbi. Perché se voi ascoltare le storie dei terremotati, non potete dimenticare. E non potrete girare canale. Non potrete passare oltre.
Capirete tante cose, ne scoprirete molte altre.

Photobucket

Da bocche che sono state 3 mesi senza doccia nei campi della protezione civile. Di bambini che si sono visti portare via l’unico loro svago, una piscina gonfiabile, perché non era stata approvata dalla protezione civile. Di donne che avevano bisogno di un cerotto, di acqua ossigenata, di una pastiglia per il mal di testa, che si son viste portare via i pochissimi farmaci perché non erano autorizzati dalla protezione civile e da un medico. Queste persone, questi eroi, hanno sopportato cose possibili solo nei migliori lager. I volontari sono stati trattati come terroristi, schedati un milione di volte, allontanati dai campi, seguiti con intercettazioni ambientali.
Ci sono persone che hanno avuto il coraggio di parlare, facendolo davanti a un microfono. Queste persone sono state minacciate. Per aver detto la verità, è così che funziona, in Italia.

Photobucket

Delle tante cose che ho scoperto in questo piccolo viaggio, ce n’è stata una che credo non dimenticherò mai. Il ruolo della protezione civile, sovra citata.
All’inizio neanche ci credevo. La PROTEZIONE CIVILE. Le parole in Italia sono la bugia più grande. Il POPOLO DELLA LIBERTA’. Pensateci. E farete il confronto. Libertà, protezione, queste parole hanno da tempo perso il loro significato.
La protezione civile è un organo direttamente controllato dal Presidente del Consiglio. I conflitti di direttive o ordini sono facilmente aggirabili. Questo particolare organo, all’Aquila, ha fatto il buono e il cattivo tempo. In questo caso, ha fatto tempesta. Il terremoto ha tolto le case agli Aquilani, la protezione civile ha tolto loro la dignità. Ho sentito tanti racconti, e vi giuro che sono in difficoltà a ripeterli. Queste persone, che spero non siano tutte uguali, sono state in grado di perseguire atteggiamenti non-umani.
Collegando le varie informazione ricevute, ti fai un’idea. La protezione civile, il Presidente del Consiglio, le aziende edilizie, la ricostruzione, la mafia in quanto tale, il denaro dei gratta&vinci, il famigerato progetto C.A.S.E., la propaganda e le bugie, il G8.

Photobucket

Non traggo conclusioni pubblicamente. Lancio un appello. Un appello umano, per farvi andare tutti a vedere, coi vostri occhi. Andateci, partite con Monique o anche senza. Perché più vedrete, più parlerete, più la gente saprà. E’ importante. Non ci costa nulla. Noi, che abbiamo ancora un tetto sopra la testa, che abbiamo ancora tutti i nostri parenti, che abbiamo ancora qualche soldo in tasca, che abbiamo ancora voce, perché non l’abbiamo persa tra le lacrime. Noi, abbiamo il dovere e il diritto di fare una semplice cosa: PARLARE. Le bugie si sconfiggono assieme, uniti, la visione che non puoi cancellare, l’idea che non puoi mettere a tacere, lo scempio che non puoi ignorare. Assieme, semplicemente parlando.
Andate all’Aquila, nelle cittadine limitrofe, scattate foto, scrivete articoli, commenti, usate i vostri blog, fatevi sentire. Io vi assicuro, chi visita quei luoghi, chi parla con quelle persone, non può dimenticare.
Non facciamo il grande errore di dimenticarci di 80.000 persone perché la televisione non ne parla. Non diamo potere al Grande Fratello. Non permettiamolo.

Grazie

Elisa Gianola

Photobucket

Permalink 4 commenti

Buon Natale?

26 dicembre 2009 at 18:02 (terremoto) (, , , , , , , , , )

Abbiamo pensato a lungo se fare un post con gli auguri di buon Natale. Riflettendoci però, anche alla luce di quanto segue, abbiamo concluso che non sarebbe stata una buona idea, ma sarebbe stata una grande presa per i fondelli nei confronti delle persone che vivono la tragedia de L’Aquila. Preferiamo tentare di aiutarle rendendo partecipi più persone possibili del dramma che esse vivono ogni giorno.

Da diverso tempo, da quando hanno iniziato a distribuire i famigerati appartamenti del progetto C.A.S.E., si sentono voci che raccontano che non è tutto oro ciò che luccica. Già diverse volte abbiamo parlato dei problemi legati a questo progetto, dalla mancanza di collaudi seri e certificati da enti autonomi, fino alle evidenti carenze strutturali.

Oggi vogliamo farvi vedere delle immagini che valgono più di mille parole o di mille racconti, video che rendono ancora di più l’idea. Ci auguriamo che abbiate la voglia e la pazienza per guardare tutti i video, fino in fondo, per farvi un’idea più chiara delle condizioni di queste C.A.S.E., di come sono stati ottenuti i terreni, di come vivono le persone che vi sono ospitate.

1 – in questo video viene fatta una panoramica sul progetto C.A.S.E., sul suo impatto e la sua pianificazione a livello urbanistico:

2 – come sono stati effettuati gli espropri dei terreni utilizzati per la costruzione delle C.A.S.E.:

3 – una famiglia ci mostra l’appartamento assegnatole… non è esattamente ciò che era stato pattuito:

Il Decreto Minist. Sanità del 5 luglio 1975 ART.3 recita: “l’alloggio monostanza, per una persona,deve avere una superficie minima, comprensiva dei servizi, non inferiore a mq 28, e non inferiore a mq 38, se per due persone

4 – il vento danneggia le C.A.S.E. con facilità, troppa facilità:

5 – i problemi agli impianti idraulici: docce mal assemblate e sporche…

… acqua sporca dai lavandini…

… e tubazioni scoperte ed esposte al gelo, con i risultati che possiamo immaginare:

Riassumiamo velocemente:

  • terreni espropriati in deroga ad ogni legge sull’esproprio ed ancora non pagati;
  • case che, al primo alito di vento, perdono pezzi (con i rischi connessi al fatto che ci sono pezzi di materiale edile che possono far del male a qualcuno o danneggiare auto e altri oggetti);
  • appartamenti di metratura insufficiente;
  • lavori, come si dice qui, fatti con i piedi;
  • gare di appalto per i lavori delle quali non si è capito nulla;
  • subbappalti in mano ad organizzazioni mafiose;

Tutto ciò per costruire 4500 appartamenti, con un costo di circa 800.000.000 di euro. Appartamenti che bastano appena per un terzo degli aventi diritto, circa 15000 persone. Questo, naturalmente, quando saranno completati, a febbraio… forse.

Intanto altre 20000 persone circa restano confinate anche a centinaia di kilometri dalla loro città, dal loro lavoro e dalla scuola, negli alberghi sulla costa, e rappresentano un enorme costo per lo stato, circa 1.000.000 di euro al giorno… calcolo semplice, visto che sono 20.000 persone per 50 euro al giorno.

Altre persone, circa 15000, sono rimaste escluse da questo piano e continuano a vivere in roulotte, camper, container e baracche, per non parlare di quelli che sono rientrati in case dichiarate non agibili.

Non finiremo mai di ribadire che non è questa la strada giusta per uscire da un dramma come quello che ha colpito questa città. Non ci stancheremo mai di dire che, con gli stessi soldi spesi per quegli aborti, che già cadono a pezzi, si potevano costruire M.A.P. in grado di ospitare il triplo delle persone.

Ma soprattutto… quando ci mettiamo d’impegno per far ripartire l’economia?

E in ultimo vogliamo rivolgerci a voi Aquilani, a voi che avete avuto un appartamento, un modulo abitativo provvisorio, a voi che siete negli alberghi.

Riteniamo sia ora di smettere di guardare ognuno al proprio orticello. Ci chiediamo con quale coraggio potete stappare quelle bottiglie di spumante e mangiare il panettone che avete trovato nelle vostre nuove case (sempre se l’avete trovato). Pensate mai ai vostri amici che una casa non ce l’hanno? Avete pensato di dividere ciò che avete con loro? Siete consapevoli che con i soldi che sono stati spesi per il vostro loculo si poteva dare una sistemazione dignitosa a 3 famiglie? Sapete che siete solo in 10.000 fortunati mentre altri 35.000 sono ancora senza nulla e in parecchi non avranno mai nulla?

Vi chiediamo un gesto, un gesto simbolico. Prendete quel panettone e quella bottiglia di spumante e riconsegnatela alla Protezione Civile. Portatela al DICOMAC allegando un biglietto dove spiegate che sarete lieti di bere e di mangiare quando TUTTI gli Aquilani avranno un tetto. E se decidete di farlo, filmatevi… e mettete il filmato su youtube, noi li diffonderemo.

Tirate fuori un briciolo di orgoglio…

Permalink 14 commenti