C.A.S.E.

2 ottobre 2009 at 18:35 (terremoto) (, , , , )

In questo post vorremmo parlare del progetto C.A.S.E. da un punto di vista diverso. Abbiamo già detto che snaturano completamente l’architettura de L’Aquila e che disgregano la comunità. Adesso andiamo oltre…

Photobucket

L’intero progetto si basa su un sistema progettato dall’Eucentre di Pavia, un pull d’eccellenza costituito dall’Università di Pavia e della Protezione Civile. E’ un sistema che, però, non è mai stato impiegato a questi livelli in precedenza, e già questo dovrebbe stimolarci a pensare. Si tratta di un sistema di isolatori sismici a pendolo, che necessita di collaudi e test estremamente approfonditi, e vi sono dei dubbi che tali test siano stati eseguiti in modo accurato. Questo sistema viene impiegato per una costruzione massiccia in un luogo dove si è avuto un sisma di grado 6.3 e dove la terra continua a tremare. Circa 15.000 persone verranno dunque alloggiate in 4200 appartamenti, sopra ad un qualcosa che pare non essere stato collaudato a dovere. Certo, è scontato, noi ci auguriamo che questo sia un progetto solido e che funzioni alla grande, ma appunto ce lo auguriamo, non lo sappiamo con certezza.

Di certo fa venire qualche sospetto che il direttore dei lavori nel cantiere C.A.S.E. di Cese di Preturo sia anche il direttore dell’EUCENTRE, in pratica chi dovrebbe controllare i lavori e chi dovrebbe essere controllato è la stessa persona, l’ing. Gian Michele Calvi.

A questo proposito vi consigliamo la visione dell’inchiesta di Rai News 24, che tratta e approfondisce l’argomento in modo serio. Non è rassicurante, ma parla gente competente sull’argomento.

In Giappone, ad esempio, si costruiscono palazzi di oltre venti piani con criteri antisismici collaudati e con costi decisamente inferiori. Non vogliamo nemmeno dire che si dovevano costruire palazzi di venti piani invece di questi orrori di soli tre piani, vogliamo solo far presente che le tecnologie sicure e collaudate ci sono già.

Intanto siamo giunti al 3 ottobre e le tendopoli sono ancora aperte: a voler pensar male, che spesso ci si azzecca, la scossa di grado 4.1 di pochi giorni fa potrebbe essere stata utile a ritardare gli ingressi delle persone spaventate nelle case. Bertolaso stesso ha detto che le tendopoli resteranno aperte più del previsto per questo… e così avranno più tempo per completare i lavori delle C.A.S.E. ovviamente.

Photobucket

P.S. Berlusconi vuole usare questo modello di costruzione, “anche per le case di giovani coppie in altre città d’Italia”. Mi sembra davvero ottima l’idea di costruire casermoni dal costo folle, invece di fare interventi mirati sul mercato immobiliare e lavorativo.

Annunci

4 commenti

  1. luigi said,

    Ma quanto costano ?

    • M said,

      tra i 2500 e i 3600 euro al mtq

  2. Danx Comix said,

    Le case per i gggiovani ci sarebbero già, solo che costano troppo. In vari, molti, paesi vi sono case in eccesso..che senso ha fare newtown in campagna per snaturarla, per crearci traffico e immetterci persone che con la campagna non hanno nulla a che farci?

    Veramente orrende queste case…ma perchè le fanno sempre a cubo? Un bella semi sfera sarebbe carino provare a farla ogni tanto.

  3. Luciano B. L. said,

    Oltre il conflitto controllore-controllato ed al di là del mancato collaudo globale, nelle strutture con gli isolatori-dissipatori antisismici ravvedo un’assurdità concettuale che determina conseguenze economiche ed ambientali pesanti.
    Le piastre antisismiche dell’ing. Gian Michele Calvi sono ciclopiche strutture destinate a sostenere strutture leggere indipendenti, già antisismiche di per sé ed idonee a essere appoggiate, come i M.A.P, su semplici platee. Hanno una sola utilità: contenere auto. Ma scassano irrimediabilmente il terreno ed i conti dello stato. Per farle, c’è voluto tanto ferro e cotanto cemento: 18 mila tonnellate d’acciaio e 180.000 metri cubi di calcestruzzo (dati forniti dallo stesso Calvi !).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: