Dieci domande a tutti voi

28 settembre 2009 at 09:41 (terremoto) (, , , , )

Va di moda fare dieci domande di questi tempi… invero pare che venga denunciato chi pone domande, ma noi ce ne freghiamo, perchè abbiamo voglia di fare queste domande a voi che ci leggete, soprattutto a voi che non siete a L’Aquila. Sono semplici domande alle quali vi chiediamo di rispondere, se volete anche in forma privata.

1 ) E’ davvero possibile che in sei giorni si siano ripassati tutti i palazzi distrutti (solo nel centro de L’Aquila sono l’80%) alla ricerca di cadaveri?
2 ) E’ probabile che si sia cercato solo dove era segnalata la presenza di persone scomparse?
3 ) Quale motivo potrebbe spingere uno che affitta scantinati a clandestini a denunciarne la scomparsa?
4 ) Forse la probabilità di prendersi una denuncia?
5 ) E’ davvero possibile che un macchinario come quello della Protezione Civile, che mai ha dovuto affrontare una catastrofe di tale portata dacchè è stata creata, giri subito a meraviglia? (ricordiamo che esiste in quanto tale dal 1982)
6 ) Come mai gli appalti per la costruzione delle C.A.S.E. sono stati vinti da aziende del Nord, dopo che i regolamenti sono stati cambiati in corsa?
7 ) Perchè non vengono assistite anche le persone che hanno scelto una sistemazione autonoma fin dall’inizio?
8 ) Perchè si è scelta la via delle C.A.S.E., cioè più spesa con meno resa, invece di quella dei M.A.P.?
9 ) Perchè si continua ad usare il termine “ricostruzione” quando non è stato ricostruito e messo in sicurezza praticamente nulla, ma si è solo “costruito”?

L’ultima domanda è per il signor Bertolaso, il padre dei nostri protettori civili:

10) Perchè non riesce mai a dire la verità?

Nulla sfugge ai suoi occhi…

Annunci

4 commenti

  1. Lys said,

    Due temi che ricorrono anche su altri blog: i morti clandestini ed i MAP.

    Partiamo dal secondo. Personalmente sono molto critico verso il progetto CASE ma credo che una cosa la si debba concedere: se avessero fatto solo casette unifamiliari sarebbe servita una superficie sconfinata per ospitare anche solo i 15000 che troveranno (si spera) ricovero nelle CASE (e che sono solo una parte degli sfollati del terremoto). Un conto è fare un condominio a tre piani ed un altro una schiera di villette. Senza parlare di tutte le polemiche che ci sono state sugli espropri dei terreni… Questa è una delle poche cose che non contesto del piano CASE.

    I morti clandestini: mi ricordo MissKappa che lanciava questo allarme subito dopo il terremoto. Sono accuse molto gravi e, sulle prime, viene da pensare che potrebbero anche essere vere. Ma come è possibile che a distanza di sei mesi non sia emerso niente in merito? La zona rossa è blindata, sì, ma di persone che vanno a recuperare mobili e suppellettili o a fare sopralluoghi per vedere come stanno marcendo le loro case ce ne sono tutti i giorni. Mai nessuno che parli dell’inevitabile puzzo dei cadaveri in decomposizione. Questi clandestini erano tutti alloggiati in camere stagne?
    Ho chiesto ad amici sul luogo, gente che si è adoperata molto fin da subito per recuperare superstiti ed organizzare aiuti. Mi hanno risposto che non hanno motivo di pensare che effettivamente ci siano ancora vittime sotto le macerie.

    Voi avete qualche prova o anche solo qualche indizio concreto per dire che ci sono?
    Se è così, perché non fate una segnalazione alla Polizia?

    • M said,

      Per quello che riguarda la disponibilità di terreno per i M.A.P. sei in grande errore, l’unica cosa che non manca è proprio quello, soprattutto di derivazione demaniale 😉 quello che non è stato usato per il progetto C.A.S.E.

      Per il resto ti dirò che l’odore insopportabile in città è durato mesi, si è data la colpa ai congelatori. Io sono entrata tante volte nei vari centri storici e ti garantisco che c’è stato un momento in cui davvero non si respirava.
      Se avessi anche solo una foto stai certo che la pubblicherei, purtroppo ho solo racconti…

  2. McGyver said,

    RISPOSTE:
    N.1: Dove non è stato spostato neanche un sasso, come è possibile che abbiano cercato? Ma ovvio SuperBert ha fatto una scansione con la vista a raggi x.

    N.2: Certo perchè mai perdere tempo a scavare dove si PRESUME non ci sia nessuno.

    N.3: Nessuna. I clandestini in Italia non ci sono, gli immigrati sono tutti regolarmente registrati…..o no?

    N.4: Ma no!

    N.5: Certo che si, parliamo dell’invincibile SuperBert. Tutto funziona a meraviglia, quello che si può dire.

    N.6: Mi consenta! Io faccio lavorare chi conosco e di chi mi fido.

    N.7: Se sono autonomi perchè assisterli. Fanno già tutto da soli e soprattutto a spese loro.

    N.8: Perchè il cemento è il futuro. Vedere fiaba Cappuccetto rosso!

    N.9: Non è stato messo in sicurezza nulla?……Ma che cosa mi dici mai! Non c’è chiesa senza PALI….tutte le case sono DISPALI!

    N.10: Ops! nonè per me……..SuperBert, dove sei? Rispondiiiiiii

    • M said,

      sapevo di poter contare su Mc 😉

      Monique

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: